Comune di Gottasecca - Provincia di Cuneo - Piemonte

Percorso di navigazione

Ti Trovi in:   Home » Guida turistica » Il Santuario

Stampa Stampa

GUIDA TURISTICA

Il Santuario di Gottasecca



Il Santuario rappresenta sicuramente un importante patrimonio storico-artistico, oltre che morale e spirituale.

Il Santuario di Gottasecca


Il Santuario dedicato alla Vergine Assunta sito in Gottasecca, è uno dei più antichi insediamenti religiosi della zona, e rappresenta sicuramente un importante patrimonio storico-artistico, oltre che morale e spirituale
Nasce come Pieve nel IV o V secolo, con il nome di Santa Maria Degudega, quando i presbiteri itineranti iniziarono la penetrazione cristiana in questa zona, dando vita alle "Plebes", ossia i primi nuclei di cristiani che si ritrovano appositamente per il culto. Solitamente questi luoghi dovevano essere sia un centro di passaggio, sia abbastanza comodi per tutti i paesi limitrofi, non a caso il santuario si trova posto sulla strada di costera che da Alba conduceva a Millesimo. Probabilmente sempre a causa della sua posizione fu anche tappa dei grandi pellegrinaggi, in particolare quello verso S. Giacomo di Compostela in Spagna. Troviamo la prima testimonianza storica nei diplomi del 998, 999 dell’imperatore Ottone III.

Fino al 1602 è sede di Vicaria e da lei dipendono le chiese della zona, mentre nel 1649 risulta annessa alla Vicaria di Cortemilia. In questo periodo,, come risulta dagli ultimi scavi, la pieve viene ingrandita e rimaneggiata nell’attuale stile barocco e diventa un Santuario.
Il Santuario è costruito in pietra arenaria, caratteristica del luogo, mentre il tetto in origine era in pietra locale; internamente è composto da una navata centrale e da due laterali, unite alla centrale da quattro arcate per parte che poggiano sui pilastri, da un abside con coro, dal vano campanario e da una sacrestia.
Il campanile presenta due ordine di arcate e termina con una cuspide a cipolla ricoperta di squame di lavagna. La facciata ha un timpano con un grande fregio centrale, e composta da quattro lesene per parte che poggiano su uno zoccolo di pietra. Le parti intonacate presentano i caratteristici colori barocchi; bianco, rosa e azzurro, mentre l'interno è ricco di dipinti e di stucchi, che rivelano una mano insolitamente aggraziata per la capacità degli artisti locali. Un nascondiglio ricavato nella base di un altare laterale pare avvalorare l’ipotesi che l’artista potesse essere un ricercato politico proveniente da altre zone.
L’altare maggiore è riccamente decorato. Al centro una nicchia racchiude una pregevole statua in alabastro raffigurante la Vergine Assunta. Ai lati due quadri di pregevole fattura: la Dormizio della Vergine e l’Assunzione della Vergine. Quest’ultimo quadro interpreta l’assunzione di Maria in modo molto originale e teologicamente più corretto. Infatti Maria non è portata in cielo dai tradizionali angeli, che qui sono soltanto spettatori, ma da Cristo risorto.Di notevole pregio sono anche il coro formato da 15 stali in legno; il pulpito, i bassorilievi di S. Francesco; la Madonna; S. Giovanni Battista e S. Domenico.

A lato dell’altare è murata una pietra con la scritta: ”pietra donde scaturiva olio anticamente” che ci ricorda, oltre all’origine del nome del nostro paese, il motivo della grande devozione e venerazione godute da questo santuario. La tradizione vuole infatti che anticamente da questa pietra scaturisse una goccia d’olio miracolosa che aveva il potere di risanare da qualunque malattia. Purtroppo una vecchina aveva un maialino, suo unico avere, ammalato e lo portò a baciare la goccia miracolosa. Il maialino guarì ma la goccia si seccò. Gutta sicca=Gottasecca. Tutto ciò accadde prima dell’anno mille. Il nostro paese prima si chiamava Lavaniola (per i suoi tetti di pietra) ed in seguito a ciò cambiò nome, come si cita nei diplomi imperiali.
Un’altra caratteristica che attesta l’antica origine di questo santuario è l’altare dedicato ai martiri della Legione Tebea: S. Candido Senator Militum, S. Maurizio Primicerius e S. Esuperio Campidoctor, martirizzati nel 286 con tutta la Legione per essersi rifiutati di compiere una spedizione punitiva contro civili, a testimonianza che il cristianesimo è arrivato in Langa tramite loro.
L’altare è decorato da molti frutti a ricordare i frutti di conversione che il loro martirio ha portato.
L’edificio misura metri 22,70 X 14. L’abside è rivolto ad oriente: All’esterno si trova una meridiana italica, inconsueta da rinvenire oggi. Infatti, al contrario delle meridiane che siamo soliti vedere, non indica l’ora solare, bensì quanto tempo manca al tramonto del sole e alla conseguente venuta delle tenebre e alla chiusura delle porte delle città.
Il Santuario è circondato da boschi e la vista che si gode dal suo sagrato è molto ampia: spazia dal colle di Cadibona fino al Monviso con in primo piano le langhe di Mombarcaro e di Murazzano oltre la vallata della Bormida di Millesimo.
La comunità parrocchiale, di comune accordo con la Curia di Alba e con il sostegno dell'amministrazione Comunale,dopo gli eventi alluvionali del 1994, ha provveduto a recuperare i fabbricati denominati "Casa del pellegrino", adiacenti il Santuario. La struttura è organizzata con locali cucina, refettorio, saloni per riunioni, servizi e camere da letto: si possono ospitare circa 30 persone che intendono fruire del luogo sacro del Santuario e praticare una sana vacanza e un periodo di relax assoluto immersi nel verde e nella natura incontaminata.





Riferimenti dell'Ente e Menu rapido


Comune di Gottasecca, Via Amedeo Ravina, 4
12070 Gottasecca (CN) - Telefono: 0174 906500 Fax: 0174 906942
C.F. 00428660047 - P.Iva: 00428660047
E-mail: gottasecca@reteunitaria.piemonte.it   E-mail certificata: gottasecca@cert.ruparpiemonte.it